LINDA DI CHAMOUNIX, Roma, Teatro dell’Opera. Giugno 2016

LINDA DI CHAMOUNIX, Roma, Teatro dell’Opera. Giugno 2016 TONI SOBRI PER UN DONIZETTI SEMISERIO   Ma almeno un personaggio è decisamente comico: proprio il Marchese seduttore, impersonato da un Bruno De Simone irresistibile, duttilissimo, tanto nei toni del vecchio satiro assatanato che in quelli del cittadino pauroso e prudente. Alla fine si arrende all’evidenza: per […]

LINDA DI CHAMOUNIX, Roma, Teatro dell’Opera. Giugno 2016
TONI SOBRI PER UN DONIZETTI SEMISERIO

 

Ma almeno un personaggio è decisamente comico: proprio il Marchese seduttore, impersonato da un Bruno De Simone irresistibile, duttilissimo, tanto nei toni del vecchio satiro assatanato che in quelli del cittadino pauroso e prudente. Alla fine si arrende all’evidenza: per una fanciulla giovane e bella come Linda, un giovanotto aitante come suo nipote Carlo è molto più desiderabile di un vecchio porco navigato.
D. Villatico, repubblica.it

 

Il ritorno di Linda
Bruno De Simone combina magistralmente canto e recitazione per dar vita a un Marchese di Boisfleury irresistibile, un personaggio a tutto tondo che vivacizza e ravviva quest’opera definita semiseria, in cui però tutti gli altri personaggi sono seri e talvolta palliducci.
M. Mariani, ilgiornaledellamusica.it

 

Roma – Teatro dell’Opera: Linda di Chamounix
Bruno De Simone dona la propria esperienza e capacità di tenere il palco al personaggio del Marchese: doti fondamentali (soprattutto la seconda), senza le quali il personaggio che, più di tutti, è in grado di dar vita all’azione, non renderebbe altrettanto. Niente eccessi, scorciatoie vocali o prestazioni muscolari, dunque, ma giochi sugli sguardi, sulle posture e sul modo di fraseggiare insinuante e ironico. In definitiva, un Marchese riuscito e del tutto adatto all’interprete.

 

M. Pecoraro, operaclick.com